• L'Opera della Sincerita

    L’Opera della Sincerità – Cappella San Severo

    Nella cappella del Principe di Sansevero, l'opera della Sincerità ci mostra chiaramente il Graal. La misteriosa Coppa, che si cerca ovunque tranne nell'unico luogo in cui realmente si trova, allude ad una ben precisa operazione interiore, ad una conquista eroica.Scrive Gichtel nella Teosofia pratica: " l'operazione avviene nel cuore e qui la porta dei Cieli è colpita con violenza. L'anima cerca di ritirare la propria volontà dalla costellazione esteriore per volgersi a Dio nel suo centro; abbandonando tutto il sensibile e passando per l'ottava forma del Fuoco e ciò richiede un lavoro accanito, sudor di sangue, perché l' anima deve allora lottare contro Dio e contro gli uomini". Il Cuore è l' Agarthi…

  • LAnimo-del-Guerriero

    L’Animo del Guerriero

    COLUI CHE ASPIRA ALLA CONOSCENZA ERMETICA DEVE FAR SUO LO STATO D'ANIMO DEL GUERRIERO :Io, che devo morire domaniIo, che domani devo morire, scrivo queste parole alla luce di una torcia aspettando che faccia giorno. Contemplo lo splendore delle stelle e il loro scintillio è molto diverso dall’oscurità che avvolge i cadaveri che si stendono davanti a me, gli stessi che tingono di rosso la melma che calpesto e il cui olezzo acre mi ripugna tanto quanto il sapere che domani sarò uno tra loro. Io Agatocle, soldato Spartano, faccio la guardia al passo delle Termopili. So che oggi ci hanno circondato e che questo posto sarà la mia tomba e…

  • La Luce di Ein Sof

    La Luce di Ein Sof

    “Ein Sof, o l’Infinito, si contrasse intorno al proprio punto centrale e quindi si ritrasse sulla circonferenza che circondava detto punto al fine di creare un vuoto. Affinchè potesse avvenire la creazione del mondo finito, l’Infinito doveva definire uno spazio vuoto dove la sua creazione finita potesse esistere in modo separato da lui stesso. La luce di Ein Sof diede vita a dieci emanazioni divine, ognuna delle quali doveva essere conservata in un vaso speciale. Alcuni di questi vasi, tuttavia, non riuscirono a trattenere la luce, andando in mille pezzi. E così, scintille di luce divina, insieme a frammenti di vasi, si sparsero ovunque, creando il mondo materiale.”Isaac Luria

  • La Terra della Mente

    La Terra della Mente

    In principio ecco il deserto: arido, polveroso e torrido come ogni deserto. Questa desolazione è però diversa dalle altre, essendo presente al tempo stesso in tutti i posti e in nessun luogo. “Mi sono accorto che il mio Sé era diventato un deserto in cui ardeva soltanto il sole del desiderio non placato”(E.Jung “Il deserto”). E’ questa la terra della mente, una terra dominata dai pensieri e dalle intenzioni, una terra dove regnano sovrane l’insufficienza e la mancanza. Tuttavia è da questa desolazione che è necessario partire se il nostro scopo è raggiungere la fertile meta della libertà. L’uomo infatti non nasce libero, ma schiavo. Incatenato alle sue debolezze, al suo carattere,…

  • Iniziazione

    L’Iniziazione

    L'Iniziazione è come ascendere ad un'alta vetta di montagna: una conquista personale che richiede determinazione, coraggio e dedizione assoluta. Ma non vi è conquista che non nasca dalla nostalgia, dal ricordo dell'ebbrezza d'alta quota, che ci spinge a levare lo sguardo in alto e che costituisce l'alimento della volontà: in questo sta il senso di una chiamata dall'alto. Fuor di metafora, l' Iniziazione può esserci solo quando la Coscienza, liberata dalla prigione cerebrale, si conquista l'accesso alla rossa caverna del cuore; qui soltanto essa trasfigura e trascende l'umano. Tutti gli esercizi di cui si parla, la disciplina interiore, sono gli strumenti preparatori attraverso cui propiziare il ritorno nel centro cardiaco. Nessuno…

  • Il Simbolo dell'Esagramma

    Il Simbolo dell’Esagramma

    Per intendere il significato profondo dell'esagramma non dobbiamo guardarlo come una immagine statica; i due triangoli rappresentano due forze contrapposte, che costantemente tendono a sopraffarsi l'un l'altra. Ciò che ci appare immobile, in realtà', e' il risultato del perfetto bilanciamento delle due spinte opposte. Equilibrio dinamico; la coincidenza degli opposti implica una "tensione" continua, e' una conquista che richiede attenzione costante e conduce alla "veglia perenne" di cui si parla nel mito cavalleresco.L'Iniziazione e' un cammino guerriero, richiede coraggio e disciplina, poiché' il cercatore non si sottrae al regime delle acque, all'oscuro e abissale conato di vita, all'impeto del desiderio quale forza che tende verso il basso, verso il piano…

  • Evoluzione nella Tradizione

    Evoluzione nella Tradizione

    Si torna dietro solo per salire più' in alto.Occorre allontanarsi da qualcosa per poterne percepire l'essenza, riconoscerla ad un livello più' alto. L'oscurità' prepara la luce cosi' come la notte il giorno...un nuovo giorno, ma occorre restar svegli per poterlo riconoscere.C'e' una evoluzione nella tradizione che, attraverso il risveglio della coscienza, prepara una una comprensione piu' profonda delle Idee incarnate nei simboli. Questo movimento a spirale riguarda gli eventi della nostra stessa vita; ci dice che la possibilita' di questa superiore reintegrazione non e' qualcosa che accade meccanicamente ma piuttosto una determinazione cosciente del nostro interiore e che, in ogni caso, non dobbiamo mai volgerci indietro o provare rimpianto perche' l' "antico"…

  • Newgrange - Il Tempio Solare

    Newgrange – Il Tempio Solare

    Newgrange, Irlanda, circa 5000 anni fa. Un tempio solare e luogo di sepoltura. Già la maestria architettonica, il perfetto orientamento astronomico, lasciano intuire il "mistero" di questa costruzione. Un lungo corridoio conduce ad una camera circolare, da cui si aprono tre nicchie a completare l'immagine di una croce. L'Oscurità' ed il silenzio sono profondi, in attesa dell'alba del solstizio invernale. L'Uomo giace supino, come morto, sciolto ogni vincolo che lo lega alla terra, in uno stato di sospensione a meta' tra il visibile e l'invisibile. L'Anima, smarrita, e' presa da sgomento, ma la disciplina a cui si e' dedicata in stato di veglia le permette di non precipitare. Poi il primo…

  • La Facolta dell'Immaginazione

    La Facoltà dell’Immaginazione

    "Ovviamente concepire un contatto con gli Dei può' ostacolato dalla supposizione che l'uomo moderno abbia conservato immutate le facoltà' percettive dei suoi maiores. Ciò' e' errore. La facoltà' dell'immaginazione e', per esempio, al giorno d'oggi una facoltà' internamente soggettiva in quanto elabora forme che appartengono al mondo dell'io, alla mente subconscia, e che quindi non hanno relazione alcuna con la realtà' vera. La prova di quanto sosteniamo e' data dal fatto che oggi le parole fantastico, irreale e assurdo si equivalgono quasi, mentre in passato non era cosi'. Per gli antichi i miti erano senza dubbio creazioni fantastiche e immaginarie, ciò' non vuol dire che per essi tali creazioni fossero…

  • Il Golem

    Il Golem di Gustav Meyrink

    Il potente germe dell'amore nascosto era come un cancro che mi divorasse il petto. Mi aveva tormentato per tutta la notte. Una volta era stata Angelina accoccolata nelle mie braccia; poi mi pareva di star parlando con Miriam, quieta e tranquilla, e Angelina era venuta e mi aveva baciato. Sentivo il profumo dei suoi capelli, e la soffice pelliccia scura mi vellicava il collo. Improvvisamente essa scivolo' dalle sue spalle nude e Rosina prese il suo posto, Rosina che ballava mezza ubriaca, con gli occhi semichiusi, indossando una marsina...e sotto nuda. Vedevo tutto questo in uno stato di dormiveglia che equivaleva alla veglia. Una veglia terribile, dolce, evanescente, straziante...Quando spunto' il mattino,…